Archivi categoria: Fisco, Previdenza, Assistenza

SERVIZIO DI COMPILAZIONE MODELLO REDDITI (EX MODELLO UNICO)

A  partire da oggi fino al 20 settembre (con l’interruzione nel mese di agosto per la pausa estiva) è possibile avvalersi del servizio di compilazione del Modello Redditi (ex Modello Unico) per gli iscritti di Torino e Provincia

CHI DEVE COMPILARE IL MODELLO REDDITI?

1) Coloro che hanno una CASA DI PROPRIETA’ ALL’ESTERO:    la compilazione è obbligatoria e comporta il pagamento di una imposta patrimoniale. La mancata presentazione dello stesso può comportare pesanti sanzioni (fino ad arrivare al sequestro dell’immobile).

DOCUMENTI NECESSARI:

fotocopia atto di acquisto (se il costo dell’immobile è indicato in una valuta diversa rispetto all’euro è necessario indicare il tasso di cambio relativo). Anche se lo scorso anno ci si è avvalsi del servizio del nostro Caaf, la presentazione di questo documento è obbligatoria;

– carta d’identità e codice fiscale di tutti i proprietari dell’immobile di cui si richiede la compilazione;

  • copia versamento imposta sugli immobili pagata all’estero (fronte e retro poiché in alcuni paesi nel retro c’è l’indicazione di alcuni importanti dati);
  • copia MOD RW UNICO compilato lo scorso anno.
  • copia bonifico pagamento tariffa richiesta:  (Costo per la compilazione 15 Euro per gli iscritti Fisac Cgil; 20,00 Euro per i coniugi di iscritto/a; 25,00 Euro per i non iscritti.

 Il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL

codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello redditi”)

2) Chi ha un CONTO CORRENTE ALL’ESTERO.

Anche in questo caso è prevista una imposta patrimoniale e la mancata presentazione del modello redditi può comportare il sequestro del c/c in oggetto.

DOCUMENTI NECESSARI:

  • documento e codice fiscale degli intestatari del conto;
  • estratti c/c di tutto l’anno (dal 01/01/2016 al 31/12/2016) con eventuali interessi,
  • copia bonifico pagamento tariffa richiesta: (Costo per la compilazione 12 Euro, il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello Redditi”)

3) Altre ragioni. Alcuni esempi:

– DECESSO di un FAMILIARE di cui si è eredi;

DOCUMENTI NECESSARI:

stessa documentazione prevista per il 730

Il costo per la compilazione varia a seconda del reddito percepito , il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello Redditi”.

E’possibile prendere un appuntamento direttamente presso una delle sedi Attiva Cgil fai click qui per vedere l’elenco  http://www.cgiltorino.it/CAAF-CGIL-Piemonte.

In alternativa la  documentazione dovrà  essere inoltrata all’indirizzo mail 730fisac@gmail.com entro e non oltre il 15 settembre (ricordiamo che il servizio nel mese di agosto non sarà attivo).

 

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

SERVIZIO DI CALCOLO IMU

Il prossimo 18 giugno sarà l’ultimo giorno utile per il pagamento dell’acconto IMU.

L’IMU è l’imposta sugli immobili diversi dalla prima casa di abitazione dove si ha la residenza.

  Da lunedì 28 maggio parte il servizio di calcolo per questa imposta per le iscritte/ gli iscritti  di Torino e Provincia:

  il servizio di calcolo è gratuito   (per iscritti e relativi coniugi) solo  se la documentazione perverrà all’indirizzo di posta sotto indicato (coloro che si recheranno ad una delle sedi Caaf Attiva CGIL pagheranno la tariffa prevista per questo servizio)

 

DOCUMENTI NECESSARI PER IL CALCOLO:

  • visura catastale non anteriore al 2011,
  • codice fiscale,
  • indicazione della percentuale di possesso dell’immobile,
  • in caso di immobile ceduto a titolo gratuito ad un parente: copia del contratto di comodato d’uso gratuito e copia registrazione contratto,
  • in caso di immobile ereditato: copia atto di successione
  • in caso di acquisto di nuovo immobile senza residenza (che è stata variata successivamente): copia atto e data di cambio di residenza

     MODALITA’ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO

E’ sufficiente inviare tutti i documenti richiesti inderogabilmente entro e non oltre mercoledì 13 giugno   tramite posta elettronica al seguente indirizzo:

730fisac@gmail.com.

In tempo utile per il pagamento verrà fornito (sempre tramite e-mail) il mod f24 utile per il pagamento.

Di seguito vi forniamo il link attraverso il quale ottenere la stampa delle visure catastali indispensabili per il calcolo.

http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/InformativaAction.do

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

 

 

730/2017 CON LA FISAC: PARTE LA SECONDA FASE

Martedì 18 aprile partirà la seconda fase della compilazione 730 con la FISAC.

Come vi avevamo preannunciato, solo chi ci avrà inviato la Delega Fiscale entro il 15 Aprile potrà far compilare la Dichiarazione 730 al nostro CAAF facendoci pervenire la relativa documentazione.

per farci pervenire la documentazione necessaria occorre:

  • scaricare il prospetto accompagnatorio  FACENDO CLICK QUI
  • compilarlo in tutte le sue parti
  • farci pervenire prospetto e documentazione prevista (esclusivamente in formato pdf , vi preghiamo di non inviare mai fotografie dei documenti) via  mail  all’indirizzo 730fisac@gmail.com oppure con il tramite del proprio sindacalista di riferimento.
  • LA DOCUMENTAZIONE DOVRA’ PERVENIRE TASSATIVAMENTE NEL PERIODO TRA IL 18 APRILE  E LUNEDI’ 15 MAGGIO. IN CASO DI PERVENIMENTO OLTRE LA  DATA INDICATA NON SARA’ POSSIBILE PROCEDERE CON LA COMPILAZIONE.

NOTA BENE:

Sempre a partire da MARTEDI’ 18 APRILE sarà  possibile fissare un appuntamento direttamente presso la sede Caaf Attiva CGIL più comoda.

Anche in questo caso il servizio sarà gratuito per gli iscritti (e per i coniugi fiscalmente a carico), mentre per i coniugi/conviventi (non a carico fiscale) verrà richiesto un piccolo contributo pari a 15,00 euro.

L’appuntamento può essere preso:

  • Telefonicamente, contattando la sede di propria scelta tra quelle comprese nell’elenco che trovi facendo CLICK QUI

o in alternativa

  • Compilando il form che trovi facendo CLICK QUI
  • Inviando una mail al seguente indirizzo CENTRALINOSERVIZI@CGILTORINO.IT. Nella mail dovrai indicare i tuoi dati , il tipo di servizio richiesto (730 singolo oppure 730 congiunto) ed un recapito telefonico. Verrai quindi ricontattato per fissare l’appuntamento.

Se invece hai deciso di compilare la dichiarazione dei redditi per tuo conto attraverso il precompilato dell’Agenzia delle Entrate o del servizio eventualmente messo a disposizione dal datore di lavoro, ma hai dei dubbi e necessiti di consulenza, potrai contattarci all’indirizzo 730fisac@gmail.com.

I nostri esperti ti contatteranno (telefonicamente o tramite mail) rispondendo ai tuoi quesiti.

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

SERVIZIO COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI REDDITI (730 2017)

La stagione fiscale è alle porte: anche quest’anno  le iscritte e gli iscritti  FISAC/ CGIL  di Torino e Provincia potranno avvalersi del servizio di compilazione della dichiarazione dei redditi.

Il servizio sarà completamente gratuito per  le scritte e gli iscritti, mentre per il coniuge o convivente verrà richiesto un piccolo contributo pari a 15,00 euro.

Per utilizzare i nostri servizi si potrà scegliere se rivolgersi direttamente alla Fisac (inviando la documentazione necessaria via mail alla casella 730fisac@gmail.com oppure rivolgendosi al proprio sindacalista di riferimento) oppure fissando un appuntamento presso una delle sedi Caaf Attiva di Torino e Provincia.

Solamente coloro che invieranno la documentazione  direttamente alla Fisac (via mail o con il tramite del proprio sindacalista di riferimento)  dovranno far pervenire entro sabato 15 aprile:

all’indirizzo 730fisac@gmail.com.

Prossimamente verrà inviata una comunicazione con l’elenco della documentazione necessaria ed i riferimenti per poter eventualmente fissare un appuntamento direttamente presso una delle sedi Caaf Attiva di Torino e Provincia.

Come lo scorso anno è possibile AVVALERSI DELLA CONSULENZA GRATUITA DEI NOSTRI ESPERTI in caso di compilazione del 730 per proprio conto tramite il precompilato dell’Agenzia delle Entrate o del servizio eventualmente messo a disposizione dal datore di lavoro.

Chi  ha dubbi e necessiti di consulenza, potrà contattarci all’indirizzo 730fisac@gmail.com. I nostri esperti vi contatteranno (telefonicamente o tramite email) rispondendo ai vostri
dubbi / quesiti.

IL DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

SALDO IMU 2017

 

grattacieli

Il prossimo 16 dicembre  sarà l’ultimo giorno utile per il pagamento del saldo dell’Imu, imposta che si applica agli immobili diversi dalle prima casa di abitazione e relativa pertinenza.

RICORDIAMO CHE PER QUEST’ANNO LA TASI RELATIVA ALLE PRIME CASE DI ABITAZIONE E PERTINENZA E’ STATA SOPPRESSA.

 A partire da giovedì 23 novembre e fino all ’11 dicembre, gli iscritti Fisac CGIL di Torino e Provincia potranno avvalersi del calcolo di queste imposte con il servizio CAAF CGIL.

COSTO DEL SERVIZIO

Coloro che a giugno si sono già avvalsi del nostro servizio NON DOVRANNO VERSARE PIU’ NULLA.

A coloro che invece non si sono avvalsi a giugno del servizio verrà applicata la seguente tariffa:

  • 8,00 per gli iscritti CGIL;
  • 13,00 per i non iscritti

Il pagamento del servizio deve avvenire attraverso bonifico bancario al seguente c/c/c:

intestazione:         ATTIVA SERVIZI CGIL SRL

IBAN:                      IT91R0312701024000000000610 (UNIPOL BANCA SPA. AG 16 TORINO)

causale:                 SERVIZIO CALCOLO IMU

DOCUMENTI NECESSARI PER IL CALCOLO:

per chi a giugno si era rivolto a noi per il calcolo dell’acconto:

– copia della ricevuta di pagamento del mod F24 scadenza 16/06/2017.

E’ indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è stato effettuato   il pagamento;

– indicare eventuali variazioni intervenute (a titolo di esempio: data di eventuale vendita dell’immobile successiva al 16/06/2017; etc);

– Se si è acquistato un nuovo immobile:

* visura catastale non anteriore al 2011,

* codice fiscale,

* indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;

* data di acquisto dell’immobile

Attenzione: se si è acquistato un immobile come prima casa, ma non si è ancora variata la residenza, si è soggetti al pagamento dell’imu fino al giorno di cambio di residenza.

 Per chi non si avvalso del nostro servizio a giugno:

* visura catastale non anteriore al 2011,

* codice fiscale,

* indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;

* copia della ricevuta di pagamento del mod F24 scadenza 16/06/2017.

E’   indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è stato  effettuato il pagamento;

* copia del bonifico di pagamento della relativa tariffa.

MODALITA’ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO

E’ sufficiente inviare tutti i documenti richiesti inderogabilmente entro e non oltre lunedì 11 dicembre  tramite posta elettronica al seguente indirizzo:

730fisac@gmail.com.

Nel giro di qualche giorno verrà fornito (sempre tramite e-mail) il mod f24 utile per il pagamento.

Di seguito vi forniamo il link attraverso il quale ottenere la stampa delle visure catastali indispensabili per il calcolo.

http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/InformativaAction.do

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

scadenza pagamento acconto imu

imu-casa-2014

Il prossimo 16 giugno  sarà l’ultimo giorno utile per il pagamento dell’acconto dell’Imu, imposta che si applica agli immobili diversi dalla prima casa di abitazione e relativa pertinenza.

 

RICORDIAMO CHE PER QUEST’ANNO LA TASI RELATIVA ALLE PRIME CASE DI ABITAZIONE E PERTINENZA E’ STATA SOPPRESSA.

 

Gli iscritti Fisac CGIL di Torino e Provincia potranno avvalersi del servizio di calcolo di questa imposta, offerto dall’Attiva Servizi CGIL Srl.

 

COSTO DEL SERVIZIO

 

  • 8,00 per gli iscritti CGIL;
  • 13,00 per i non iscritti

Il pagamento del servizio deve avvenire attraverso bonifico bancario al seguente c/c/c:

intestazione:         ATTIVA SERVIZI CGIL SRL

IBAN:                      IT91R0312701024000000000610 (UNIPOL BANCA SPA. AG 16 TORINO VIA P.D’ACAJA, 65)

causale:                 SERVIZIO CALCOLO IMU

 

DOCUMENTI NECESSARI PER IL CALCOLO:

  •  visura catastale non anteriore al 2008,
  •  codice fiscale,
  • indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;
  • copia ricevuta bonifico per pagamento tariffa

     Modalità del servizio

E’ sufficiente inviare tutti i documenti richiesti inderogabilmente entro e non oltre lunedì 13 giugno   tramite posta elettronica al seguente indirizzo:

730fisac@gmail.com.

In tempo utile per il pagamento verrà fornito (sempre tramite e-mail) il mod f24 utile per il pagamento.

 

Di seguito vi forniamo il link attraverso il quale ottenere la stampa delle visure catastali indispensabili per il calcolo.

http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/InformativaAction.do

 

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

 

Assistenza Fiscale FISAC: qualche dritta solo per voi…

reddyLe questioni fiscali sono un dramma?
Non se ti appoggi alla FISAC!

Certo non pagheremo le tasse al posto tuo 🙂 , ma possiamo darti una grossa mano a districarti tra le mille incombenze.

Se vuoi fare il 730 gratuitamente presso il nostro CAAF puoi collegarti al sito www.caafcgil.com:

******

Hai bisogno di una visura per un tuo immobile (ad esempio ti può servire per il 730 o per dedurre spese di ristrutturazione)? A questo indirizzo puoi otterla subito e facilmente:
http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/InformativaAction.do

******

Vuoi fare autonomamente il 730 con il “precompilato” dell’Agenzia delle Entrate? Oppure hai altre pratiche fiscali da sbrigare on-line?
Accedi al portale http://www.agenziaentrate.gov.it e se ti serve una qualsiasi consulenza, puoi chiedercela  scrivendo alla mail: 730fisac@gmail.com

******

Infine ricorda che puoi chiederci il calcolo dell’ISEE in qualsiasi momento mandando una mail a isee.fisac@gmail.com

COCCINELLA

******

Chi altro ti può offrire così tanto?

 

730/2016 con la FISAC: parte la seconda fase

730-2016A partire da oggi primo aprile 2016 parte la seconda fase della compilazione 730 con la FISAC.

Come vi avevamo preannunciato, solo chi ci ha inviato la Delega Fiscale entro il 31 marzo può far compilare la Dichiarazione 730 al nostro CAAF facendoci pervenire la relativa documentazione.
Per farci pervenire la documentazione necessaria occorre:

  • scaricare il prospetto accompagnatorio (CLICK QUI),
  • compilarlo in tutte le sue parti (se il prospetto non è compilato correttamente NON sarà possibile procedere con la compilazione),
  • scannerizzarlo e reinviarcelo insieme alle scansioni di tutta la documentazione prevista e dettagliata nel prospetto medesimo.

La documentazione dovrà pervenire tassativamente entro e non oltre venerdì 20 maggio 2016 all’indirizzo 730fisac@gmail.com.
In caso di pervenimento oltre tale data NON sarà possibile procedere con la compilazione.

*****

Nota bene.

Tutti coloro che non ci hanno inviato la Delega Fiscale entro il 31 marzo, ma desiderano avvalersi del Servizio Fiscale della FISAC possono utilizzare una delle due seguenti madalità:

FISSARE UN APPUNTAMENTO DIRETTAMENTE PRESSO LA SEDE CAAF CGIL PIU’ COMODA.
Anche in questo caso il servizio sarà COMPLETAMENTE GRATUITO per gli iscritti (e per i coniugi fiscalmente a carico), mentre per i coniugi / conviventi (non a carico fiscale) verrà richiesta una piccola tariffa pari a 15,00 euro.

L’appuntamento può essere preso:

  • Telefonicamente, contattando la sede di propria scelta tra quelle comprese nell’elenco che trovi facendo click qui

o in alternativa

  • Compilando il form che trovi facendo click qui.

OPPURE

AVVALERSI DELLA CONSULENZA GRATUITA DEI NOSTRI ESPERTI in caso di compilazione del 730 perproprio conto tramite il precompilato dell’Agenzia delle Entrate o del servizio eventualmente messo a disposizione dal datore di lavoro.
Se hai dubbi e necessiti di consulenza, potrai contattarci all’indirizzo 730fisac@gmail.com. I nostri esperti ti contatteranno (telefonicamente o tramite email) rispondendo ai tuoi
dubbi / quesiti.

Il PIN INPS. Che cos’è, a cosa serve, come posso ottenerlo? Scoprilo con la FISAC…

PIN-INPS1Il PIN dell’Inps è un codice alfanumerico di identificazione personale. Per coloro che devono assumere un/una badante o colf, è uno dei documenti indispensabili per poter effettuare l’operazione. Coloro che lo posseggono possono ottenere, attraverso il sito web dell’Istituto di Previdenza Sociale www.inps.it, diversi servizi: dalla consultazione della propria posizione previdenziale, alla consultazione di tutta la corrispondenza che l’Inps invia ad ogni soggetto, alla possibilità (per coloro che hanno il pin dispositivo) di effettuare direttamente alcune operazioni (come ad esempio: la richiesta di visita per il riconoscimento della legge 104 e dell’invalidità civile, l’autorizzazione all’inserimento di familiari per ottenere gli assegni familiari, richiesta per i permessi per la legge 104, etc).

CONSIGLIAMO TUTTI, indipendentemente dall’età anagrafica, DI RICHIEDERE AL PIÙ  PRESTO TALE CODICE.

Come si fa per ottenerlo?

  1. L’interessato può rivolgersi direttamente ad una sede Inps, munito di documento di identità e codice fiscale. Il PIN viene consegnato immediatamente e, generalmente, è già di tipo dispositivo, quindi può essere utilizzato direttamente sul sito per svolgere alcune operazioni;
  2. Si può richiedere via internet attraverso il sito www.inps.it e seguire questi semplici passaggi:
  •  cliccare su IL PIN ONLINE;
  •  cliccare su RICHIEDI PIN;
  •  indicare il codice fiscale (con caratteri maiuscoli);
  •  indicare la residenza (se italiana o estera);
  •  cliccare su AVANTI;
  •  nella successiva videata verrà richiesta l’indicazione dei dati anagrafici del richiedente, i dati di residenza e l’indicazione dei recapiti telefonici e di posta elettronica; cliccare su CONFERMA;
  • se sono stati inseriti tutti i dati richiesti, apparirà la seguente frase: “la sua richiesta è stata presa in carico, a breve riceverà la prima parte del PIN ad uno dei contatti da lei specificato (mail o cellulare), la seconda parte le sarà spedita all’indirizzo di residenza comunicato”. Generalmente  nell’arco di una decina di giorni, si otterranno le due tranche del PIN. A questo punto si può accedere al sito internet.

Indipendentemente da come lo si è ottenuto, con il primo accesso al sito, il PIN verrà variato e non verrà più modificato. Si consiglia di custodirlo con un certa cura, in quanto è possibile richiedere la sua sostituzione per un massimo di due volte.

Se il codice in possesso è stato richiesto on line, il PIN è di tipo consultativo: permette cioè di poter consultare la propria posizione previdenziale, o la posta inviata dall’Inps, ma non permette di procedere all’esecuzione di operazioni (come quelle elencate in precedenza).

Per poter eseguire queste operazioni è necessario convertire il PIN in PIN ESECUTIVO.

Come si deve procedere per ottenere la conversione?

sempre attraverso il sito www.inps.it bisogna:

  • cliccare su IL PIN ONLINE;
  • successivamente su CONVERTI PIN;
  • indicare il proprio codice fiscale (con caratteri maiuscoli);
  • indicare il proprio PIN (anch’esso in caratteri maiuscoli),
  • nella videata successiva compare un avviso che avverte che per ottenere la conversione sarà necessario inoltrare il modulo di richiesta apposito, unitamente a copia del documento di identità, consegnandolo direttamente ad una sede Inps, oppure inviando il tutto tramite fax al numero indicato, oppure ancora scannerizzando la documentazione che verrà inviata telematicamente (noi consigliamo quest’ultima opzione). Bisognerà quindi indicare i dati richiesti;
  • Nella videata successiva vi è la richiesta di stampare il modulo di richiesta che contiene i dati inseriti ed il numero di protocollo della richiesta stessa. Questo modulo, debitamente sottoscritto, dovrà essere inviato all’Ips (secondo le modalità sopra descritte) insieme al documento di identità;
  • Se si decide di inviare tutto telematicamente, una volta scannerizzati i documenti, nella videata che viene proposta di seguito si potrà inserire la documentazione e quindi inoltrarla;
  • A questo punto compare l’avviso che la richiesta è stata presa in carico. Se i dati sono completi, normalmente nel giro di qualche ora si riceverà una mail di avvenuta conversione del PIN (ATTENZIONE: il Pin rimane identico a prima, ma avrà delle funzionalità aggiuntive);
  • Ricevuta la mail di conferma si potrà utilizzare il sito dell’Inps per effettuare tutte le operazioni consentite.

Pe chiarimenti e consulenze puoi contattare
la responsabile del Dipartimento Welfare
Gloria Pecoraro gloria.pecoraro@fisac.net

gloria

Da oggi una nuova casella dedicata in esclusiva alle richieste ISEE

Da oggi la FISAC offre un servizio esclusivo per i propri iscritti.
La certificazione ISEE tramite una nuova casella di posta dedicata a cui far pervenire la propria richiesta:

isee.fisac@gmail.com

Ma che cos’è la certificazione ISEE, a cose sarve e quale documentazione è necessaria per ottenerla?
TROVI TUTTE LE RISPOSTE FACENDO CLICK QUI