Archivi categoria: Uncategorized

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 2018 – TRASMISSIONE AD ENEA – NOVITA’

La legge di Bilancio 2018 ha previsto che per poter beneficiare delle detrazioni fiscali del 50% previste per gli interventi di ristrutturazione edilizia terminati nel 2018 va utilizzata la procedura messa a disposizione da ENEA 

La trasmissione non riguarda tutti gli interventi ma solo quelli connessi al conseguimento di risparmi energetici come da tabella allegata.

Prima dell’entrata in vigore di questa norma, per poter beneficiare della detrazione fiscale del 50%, NON ERA NECESSARIO  produrre la pratica Enea, mentre ora SARA’ NECESSARIO presentare oltre la copia della fattura e del bonifico specifico per ristrutturazioni, anche la copia della pratica Enea.

Importante: termini della trasmissione

L’invio deve avvenire entro il termine di 90 giorni a partire dalla data ultimazione lavori e/o collaudo.

Per gli interventi terminati tra il 01.01.2018 e il 21.11.2018 il termine di 90 giorni scade il 19/02/2019.

QUINDI PER LE SPESE GIA’ SOSTENUTE NEL 2018, C’E’ TEMPO FINO  AL 19/02/2019 PER AVERE LA PRATICA ENEA.  (per le segnalazioni oltre tale limite vedi il successivo paragrafo “omessa o tardiva trasmissione”)

E’ da ritenere che in merito agli elettrodomestici (destinati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione, il termine di 90 giorni decorra dalla data di acquisto

Modalità di trasmissione

L’apposita procedura per l’invio dei dati https://ristrutturazioni2018.enea.it/index.asp messa a disposizione da Enea richiede:

  • La registrazione del beneficiario o dell’intermediario

  • I dati del beneficiario

  • I dati dell’immobile

  • la descrizione degli interventi
  • L’Enea ha pubblicato un’apposita guida all’indirizzo http://www.acs.enea.it/ristrutturazioni-edilizie/

Omessa o tardiva trasmissione

Attraverso la cosidetta “remissione in bonis” (che prevede il pagamento di una sanzione di € 250) sarà possibile usufruire dei benefici fiscali pur nel caso di omessa o tardiva trasmissione – informazioni presso Agenzia delle Entrate

ISEE 2019: ANCHE QUEST’ANNO LO PUOI RICHIEDERE GRATUITAMENTE CON LA FISAC

A partire dal  16 gennaio sarà possibile richiedere l’isee per l’anno 2019.

Uno dei servizi più richiesti dai cittadini è l’assistenza nel calcolo e nella dichiarazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) che  permette di accedere a prestazioni sociali o servizi di pubblica utilità  a condizioni agevolate.

L’ISEE viene calcolato in base ai dati ricavati dalla Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU): un documento valido per tutti i componenti di una famiglia che va rinnovato ogni anno.

Indipendentemente dalla data di presentazione della documentazione, l’isee avrà scadenza il 31/12/2019.

 

Particolari condizioni del nucleo familiare e prestazioni richieste condizionano l’ISEE che prevede dunque diversi moduli di dichiarazione:

DSU Mini / ISEE Ordinario : Modello previsto per un nucleo familiare standard, valido per la maggior parte delle prestazioni sociali;

ISEE Sociosanitario: utilizzabile per prestazioni di natura sociale e/o sanitaria ed ottenibile se vi siano disabili in famiglia. Rientrano in questo ambito :

  • ricovero in strutture per i soggetti non autosufficienti;
  • prestazioni di assistenza domiciliare;
  • bonus per acquisti e/o servizi a favore dei disabili.

ISEE Minorenni:  utilizzabile per prestazioni rivolte ai minori;

ISEE Corrente: modello basato sui redditi degli ultimi 12 mesi che tiene conto anche i eventi avversi come ad esempio la perdita del lavoro e/o una cospicua riduzione del reddito;

ISEE Università: modello utilizzato da tutti gli studenti che intendono richiedere prestazioni di diritto allo studio;

ISEE Integrativo:  questo modello viene utilizzato al solo scopo integrativo di un modello già presentato ( di solito questo modello viene presentato nel omento in cui vi sono delle variazioni da comunicare in merito ai dati forniti all’Agenzia delle Entrate o dall’Inps).

 

COME SI PUO’ OTTENERE L’ISEE?

Gli iscritti FISAC CGIL possono ottenere GRATUITAMENTE questa certificazione tramite un CAAF presso il quale fissare un appuntamento telefonando al numero verde unico 800171111 fornendo nome, cognome nr di telefono e selezionando in quale sede si desidera prendere appuntamento FAI CLICK QUI PER VEDERE LE SEDI  delle sedi Caaf Cgil di Torino e Provincia.

L’appuntamento può anche essere preso on line compilando il seguente form CLICK QUI

I SOLI ISCRITTI DELLA FISAC DI TORINO E PROVINCIA, in alternativa, possono ottenere questa certificazione – SEMPRE GRATUITAMENTE – inviando tutta la documentazione necessaria  al seguente indirizzo di posta elettronicaisee.fisac@gmail.com.
Il Caaf rilascerà la ricevuta di avvenuta presentazione (=DSU) all’Inps che rilascerà la dichiarazione Isee nel giro di 15 giorni.

L’attestazione ISEE viene calcolata dall’Inps confrontando i dati contenuti nella DSU con quelli dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso in cui tali dati non coincidessero, oppure se le informazioni fossero incomplete, nell’attestazione risulterà un messaggio dell’Inps indicante la presenza di omissioni o difformità.

Riscontrata questa difformità, ci sono due possibili strade che il contribuente potrà percorrere: correggere i dati della precedente dichiarazione e presentare una nuova DSU conforme alle modifiche richieste dall’Inps, oppure scegliere di utilizzare comunque l’attestazione, anche se formalmente non corretta. 

In questo secondo caso, però, è bene sapere che gli enti che erogano le prestazioni per cui viene presentato l’Isee potranno eseguire ulteriori controlli, ma anche rifiutarsi di accettare un’attestazione Isee non conforme.

In caso di correzioni l’Inps dovrà rielaborare nuovamente la posizione, in questo caso saranno necessari ulteriori 15 giorni per avere la nuova elaborazione.
Dal momento che i tempi di compilazione sono piuttosto lunghi, sollecitiamo ad inviare la documentazione richiesta ALMENO UN MESE PRIMA rispetto alla scadenza di presentazione dell’ISEE.

INDICARE NELLA MAIL PER QUALE UTILIZZO SI RICHIEDE L’ISEE 

QUALI SONO I DOCUMENTI NECESSARI PER OTTENERE LA CERTIFICAZIONE ISEE?

Dati del dichiarante:

  • Fotocopia documento di riconoscimento in corso di validità
  • Fotocopia codice fiscale o tessera sanitaria validi
  • Indicazione recapito telefonico (DATO OBBLIGATORIO)
  • 730/2018 o Modello Unico 2018 redditi 2017
  • Cu 2018 redditi 2017.

Dati di tutti i componenti il nucleo familiare al momento della presentazione:

  • Fotocopia di documento di riconoscimento in corso di validità di tutti i componenti il nucleo familiare: componenti Stato di Famiglia, coniuge con diversa residenza, componenti residenti all’estero iscritti AIRE, figli maggiorenni non residenti con i genitori ma che siano fiscalmente a loro carico non coniugati e che a loro volta non abbiano figli
  • Fotocopia codice fiscale o tessera sanitaria validi di ciascun componente
  • 730/2018 o Modello Unico 2018 redditi 2017, di ciascun componente
  • Cu 2018 redditi 2017 di ciascun componente
  • Valore del Patrimonio Netto al 31/12/2018 per le imprese individuali in contabilità ordinaria
  • Valore delle Rimanenze Finali e Costo dei beni Ammortizzabili per le imprese individuali in contabilità semplificata

Patrimonio immobiliare di ciascun componente alla data del 31/12/2018:

  • Visura catastale di ogni immobile, di ogni terreno e/o terreno edificabile (valore commerciale dell’area edificabile auto dichiarato o certificato) sia in Italia che all’Estero di proprietà di ciascun componente al 31/12/2018
  • Capitale residuo al 31/12/2018 del mutuo stipulato per acquisto o costruzione immobili
  • Eventuali incrementi del patrimonio immobiliare avvenuti nel 2018.

Abitazione principale detenuta in locazione al momento della presentazione:

  • Copia contratto di locazione da cui si rilevino gli estremi di registrazione
  • Importo del canone di locazione versato nel 2018, comprensivo degli adeguamenti Istat
  • Protocollo di assegnazione ATC/IACP.

Patrimonio mobiliare di ciascun componente il nucleo riferito al 2018:

Depositi e conti correnti bancari e/o postali di tutti i conti (di tutti i componenti il nucleo) anche cointestati con persone diverse dal nucleo familiare (IMPORTANTE: DEVONO ESSERE INDICATI ANCHE I CONTI E/O CARTE PREPAGATE INTESTATE AI FIGLI MINORENNI, INDIPENDENTEMENTE DAL SALDO CHE RIPORTANO):

  • Indicazione codice Iban e numero di conto di tutti i conti
  • Saldo al 31/12/2018 di tutti i conti di cui sopra
  • Giacenze medie anno 2018 di tutti i conti di cui sopra
  • Denominazione e CF/PI della Banca/Posta/Operatore Finanziario.
  • In caso di rapporti bancari e/o postali estinti nel corso del 2018, ultimo estratto conto con indicazione del giorno di estinzione del rapporto,  e giacenza media riferita a tale data

Investimenti posseduti (anche su depositi cointestati con persone diverse dai componenti il nucleo familiare): titoli di Stato ed equiparati, obbligazioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi, azioni, fondi comuni di investimento, assicurazioni sulla vita e di capitalizzazione, altri strumenti e rapporti finanziari di proprietà di ciascun componente il nucleo familiare:

  • Tutti gli estratti conto dell’anno 2018
  • Saldo investimenti al 31/12/2018
  • Numero deposito
  • Denominazione e CF/PI della Banca/Posta/Operatore Finanziario.

Dati relativi agli autoveicoli e motoveicoli di cilindrata pari o superiore a 500cc posseduti da ogni componente il nucleo familiare:

  • Copia carta di circolazione da cui rilevare targa ed intestatario del veicolo.

Altri documenti necessari per la compilazione:

  • In caso di separazione/divorziocopia sentenza nella quale è indicato l’importo per il mantenimento dei figli; codice fiscale dell’ex coniuge; importi effettivamente corrisposti nel 2018 comprensivi degli adeguamenti Istat. Nel caso in cui nella sentenza non vi fosse l’indicazione dell’importo del mantenimento, l’ex coniuge dovrà procurare l’intera documentazione necessaria per l’ISEE, o la propria attestazione ISEE in corso di validità
  • Verbale di riconoscimento dello stato di invalidità o non autosufficienza
  • Documenti attestanti i versamenti effettuati nel 2018 per l’ospitalità alberghiera in istituti socio-assistenziali residenziali per coloro che già beneficiano della prestazione socio-sanitaria
  • Spese sostenute nel 2018 per assistenza a disabili e non autosufficienti (escluse le spese per badanti regolarizzate direttamente dal richiedente la prestazione)
  • Atti notarili per le donazioni di beni immobili in favore di coniuge, figli o di altri familiari avvenuti negli ultimi tre anni
  • Copie atti di successione.

ABBONAMENTO MUSEI 2019: PREZZO SCONTATO PER UN’ESPERIENZA UNICA.

Come iscritti FISAC/CGIL potrete rinnovare o acquistare l’abbonamento all’incredibile prezzo di 45€ anziché 52€.

Inoltre potete rinnovare o acquistare:

  • l’abbonamento per i vostri familiari al prezzo scontato a 48€
  • l’abbonamento Musei Senior (persone maggiori di 65 anni) a 45€
  • l’abbonamento Musei Young (giovani dai 15 ai 26 anni non compiuti o titolari della Pyou Card) a 32€
  • l’abbonamento Musei Junior (ragazzi fino a 14 anni) a 20€.

Gli abbonamenti possono essere acquistati o rinnovati
presso la FISAC, via Pietro Micca 17 – Torino.

E’ necessario fissare un appuntamento scrivendoconvenzioni.fisac@gmail.com
(Nota bene! I soli colleghi di Intesa Sanpaolo devono
mettere in copia anche francesco.mesiano@fisac.net)

In caso di rinnovi, occorre portare con se la tessera già in proprio possesso.

In caso di abbonamenti di nuova attivazione (e quindi NON per i rinnovi) vi preghiamo di inviare preventivamente una mail a convenzioni.fisac@gmail.com indicando per ciascuno degli intestatari per i quali si chiede una nuova emissione:

  • Cognome e Nome
  • Data e luogo di nascita
  • Codice fiscale
  • Indirizzo di residenza (via, numero civico, comune, cap)
  • Mail di riferimento
  • Numero di Telefono

L’invio preventivo di questi dati ci consente di velocizzare la procedura di rilascio dei nuovi abbonamenti.

In tutti i casi, per il pagamento è necessario effettuare bonifico e presentare copia nel momento del ritiro.

Gli estremi sono i seguenti:
c/c intestato a FISAC CGIL n°2350874 c/o UNICREDIT ag. TO Micca
IBAN: IT65H0200801137000002350874
con causale: “Nuova emissione tessera musei (nominativo/i)” e/o “Rinnovo tessera musei (nominativo/i)”

Per l’attivazione ed il ritiro delle tessere le modalità possono essere flessibili in base alle esigenze di ciascuno di voi.

  • Potete passare direttamente voi (o un vostro familiare) presso la FISAC prendendo appuntamento tramite mail all’indirizzo convenzioni.fisac@gmail.com
    Questa ovviamente è la soluzione più semplice, diretta e veloce.

oppure

  • Potete fare riferimento al vostro sindacalista che provvederà al ritiro per voi.

Nota Bene! La soluzione del ritiro tramite il proprio sindacalista può presentare alcuni inconvenienti:
* Nel caso di acquisto di abbonamenti per i propri familiari potreste aver effettuato un bonifico per un importo superiore a quello effettivamente richiesto, poiché il sistema informatico di rilascio dell’Abbonamento potrebbe individuare per qualcuno di loro condizioni di maggior favore rispetto a quelle standard (ad esempio in ragione dell’età). Proprio per questa ragione, per facilitare chi di voi si presenterà direttamente  per chiedere informazioni e per capire quale Abbonamento Musei conviene attivare per i componenti del proprio nucleo familiare, sarà possibile effettuare il bonifico online in una postazione internet che mettiamo a disposizione in FISAC.
* Nel caso di rinnovo i tempi potrebbero allungarsi significativamente per la necessità del sindacalista di ritirare fisicamente  la tessera presso di voi (ricordiamo che in caso di rinnovo va presentata la tessera già in essere) prima di passare in FISAC e poi ripassare da voi per riconsegnarvela. Inoltre potrebbero verificarsi smarrimenti fortuiti e in questo caso occorrerebbe rilasciare uno o più duplicati il cui costo (5€) resterebbe a vostro carico.

Per maggiori informazioni potete scrivere a:
convenzioni.fisac@gmail.com

NOTA BENE!

I soli colleghi del GRUPPO INTESA SANPAOLO dovranno inviare copia delle loro richieste  anche a francesco.mesiano@fisac.net . Questo ci consentirà di monitorare al meglio la gestione della vostra richiesta e di concordare individualmente con ciascuno di voi le modalità di ritiro presso di noi oppure della consegna presso il vostro luogo di lavoro.

SALDO IMU 2018

Il prossimo 17 dicembre sarà l’ultimo giorno utile per il pagamento del saldo dell’IMU, imposta che si applica sugli immobili diversi dalla prima casa di abitazione e relativa pertinenza.

Ricordiamo che anche quest’anno la TASI relativa alle prime case di abitazione è stata soppressa.

A partire da lunedì’ 3 dicembre e fino a mercoledì 13 dicembre, le iscritte e gli iscritti FISAC CGIL di Torino e Provincia, potranno avvalersi del calcolo di questa imposta con il servizio Caaf Attiva Cgil.

Il servizio di calcolo è gratuito (per chi è iscritto e per i relativi coniugi) solo se la documentazione perverra’ all’indirizzo di posta elettronica sotto indicato. Coloro che  a giugno si sono recati ad una delle sedi Caaf Attiva Cgil ed hanno pagato la relativa tariffa, non dovranno più pagare per ottenere il calcolo. Chi non si era avvalso del servizio di calcolo ed andrà ad una delle sedi Attiva dovrà versare la tariffa relativa.

Documenti necessari per il calcolo:

se il calcolo dell’acconto era stato fatto con il nostro servizio:

* copia del modello f24 di pagamento dell’acconto scadenza 18/06/2018. È indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è avvenuto il pagamento;

indicare eventuali variazioni intervenute (a titolo di esempio: data di eventuale vendita di immobili successiva al 18/06/2018.

Se si fosse acquistato un nuovo immobile:

visuale catastale;

* codice fiscale;

* indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;

* data di acquisto dell’immobile 

Attenzione: nel  caso in cui si fosse acquistato  un immobile come prima casa, ma non si abbia ancora  variato la residenza in tale immobile, si è soggetti al pagamento dell’IMU fino al giorno in cui la residenza non viene variata.

Per coloro che a giugno non si sono avvalsi del nostro servizio:

* visura catastale non anteriore al 2011;

* codice fiscale;

* indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;

* copia del modello f24 di pagamento dell’acconto scadenza 18/06/2018. È indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è avvenuto il pagamento.

Modalità di esecuzione del servizio 

È sufficiente inviare tutti i documenti richiesti inderogabilmente entro e non oltre mercoledì 13 dicembre tramite posta elettronica al seguente indirizzo:

730fisac@gmail.com

nel giro di qualche giorno verrà fornito (sempre tramite email) il modello f24 utile per il pagamento.

Di seguito vi forniamo il link attraverso il quale ottenere la stampa delle visure catastali indispensabili per il calcolo:

http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/InformativaAction.do

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE 

VAI A SCIARE CON LA FISAC! NUOVA CONVENZIONE 2018 CON IL CENTRO SCI TORINO

Nuova  e importante convenzione con il CENTRO SCI TORINO, il Centro che raggruppa gli Sci Club, le Associazioni Sportive e i Cral Aziendali del Territorio per favorire al massimo questa bellissima attività sportiva!

La convenzione permette di avere uno sconto variabile a seconda della stazione sciistica tra i 4 e i 10 euro a persona acquistando la contromarca del valore di 5,00 euro (tale cifra sarà ovviamente poi decurtata dal prezzo del biglietto oltre allo sconto previsto dalla convenzione, che potrete visualizzare e scaricare più sotto).

Il costo della Tessera elettronica è di € 5,00 da inviare tramite bonifico alla Fisac Cgil

Iban: c/c intestato a FISAC CGIL n°2350874 c/o UNICREDIT ag. TO Micca
IBAN: IT65H0200801137000002350874 

***SCONTO TOTALE  A PERSONA

TRA 4 E 10 EURO SUL GIORNALIERO***

L’unico tipo di contromarca è la tessera ricaricabile telematicamente.

TESSERA RICARICABILE TELEMATICAMENTE: è una tessera plastificata del costo di 5 euro all’anno che consente l’accesso agli sconti come potete visualizzare nell’elenco riportato sotto ed ha la funzione di skipass.

Si può caricare direttamente online collegandosi al sito del Centro Sci Torino pagando con la propria carta di credito. Permette di non fare la coda alle casse in quanto si può caricare dell’importo che più ci aggrada in qualsiasi momento (anche la mattina stessa prima di andare a sciare – dopo aver verificato le condizioni climatiche)

clicca qui per scaricare l’ELENCO STAZIONI SCIISTICHE CONVENZIONATE)

In pratica si va sul sito www.skipassopen.it

  • si fa la registrazione
  • si inserisce il numero della propria tessera telematica
  • e si ricarica dell’importo desiderato.

La tariffa pratica sarà quella scontata che trovate di fianco alla stazione sciistica nell’elenco.

Il costo di 5 euro è il costo annuo dell’emissione e gestione della tesserina telematica.

Il rinnovo negli anni successivi avrà nuovamente il costo di 5 euro.

 N.B. La validità di entrambi scadrà alla fine della stagione sciistica (presumibilmente aprile 2018)

Vi chiediamo, quindi, di inviare in FISAC le vostre prenotazioni via posta elettronica all’indirizzo mail convenzioni.fisac@gmail.com

utilizzando il modulo scaricabile Modulo Prenotazione SKIPASS

NOTA BENE!

I soli colleghi del GRUPPO INTESA SANPAOLO dovranno inviare copia della richiesta anche a barrera@fisac.net . Questo ci consentirà di monitorare al meglio la gestione della vostra richiesta e di concordare individualmente con ciascuno di voi le modalità di ritiro presso di noi oppure della consegna presso il vostro luogo di lavoro.

PARTENZE DA CASELLE: nuovo parcheggio convenzionato per gli iscritti Fisac

 

 

SEFLAPARK

Caselle Torinese – Via alle Fabbriche n.3

Ampi spazi coperti e non per parcheggiare l’auto e servizio navetta per aeroporto 
       

AGLI ISCRITTI FISAC, presentando la tessera, sara’ applicato uno sconto del 15% sui prezzi di listino allegati, ed offerte servizi aggiuntivi.

La SEFLAPARK offre lavaggio auto con sconto 15% sui prezzi di listino.

Comunicate la vostra prenotazione indicando giorno e ora di partenza, giorno e ora di rientro (possibilmente con numero del volo), modello e targa auto, tramite WhatsApp al 3281388554 o 3200411539, oppure alle seguenti email:

mattia.roncone@fastwebnet.it o sefla.parklavaggio@gmail.com

 

PREZZI DI LISTINO SEFLAPARK

Alle seguenti tariffe vanno eventualmente aggiunti:

  • 1,00 giornalieri per eventuale opzione “tieni tu le chiavi” ( fino ad un massimo di € 10 di sovrapprezzo rispetto alla tariffa standard );

  • 5,00 per servizio car valet espressamente richiesto (ritiro e riconsegna auto in aeroporto);

  • car valet gratuito per famiglie con bambini;

  • 10,00 per lavaggio auto interno ed esterno con idropulitrici a vapore;

  • 15,00 per lavaggio monovolume, SUV e SW interno ed esterno con idropulitrici a vapore;

  • 5 forfait per il noleggio di una cassaforte per poter lasciare chiavi di casa ecc.;

  • eventuale possibilità di pernottamento a titolo gratuito in casi straordinari ( rientri in tarda nottata e/o problemi legati alla viabilità );

  • servizi di manutenzione auto a richiesta.

N.B.:

    • potete in ogni momento comunicare eventuali variazioni rispetto a partenze o rientri ( naturalmente pagherete solamente il periodo di parcheggio );

    • il conteggio dei giorni di parcheggio va effettuato contando 24 ore dall’ingresso, al superamento delle 12 ore, va comunque considerato giorno intero;

    • offriremo, quando possibile, servizio car valet gratuito per i rientri in tarda serata;

    • il pagamento viene effettuato al momento dell’arrivo (contanti e/o carta di credito e/o bancomat );

    • possibilità di valutare la fattibilità di prelevarvi da casa e/o stazione per raggiungere l’aeroporto e successivo riaccompagnamento a casa al vostro rientro.

    • Non esitate comunque a esporre eventuali problemi, cercheremo comunque di trovare una soluzione.

SERVIZIO DI COMPILAZIONE MODELLO REDDITI 2018 (EX MODELLO UNICO)

A partire da oggi fino al 30 settembre (con l’interruzione nel mese di agosto per la pausa estiva) è possibile avvalersi del servizio di compilazione del Modello Redditi (ex Modello Unico) per gli iscritti di Torino e Provincia

CHI DEVE COMPILARE IL MODELLO REDDITI?

1) Coloro che hanno una CASA DI PROPRIETA’ ALL’ESTERO:    la compilazione è obbligatoria e comporta il pagamento di una imposta patrimoniale. La mancata presentazione dello stesso può comportare pesanti sanzioni (fino ad arrivare al sequestro dell’immobile).

DOCUMENTI NECESSARI:

fotocopia atto di acquisto (se il costo dell’immobile è indicato in una valuta diversa rispetto all’euro è necessario indicare il tasso di cambio relativo). Anche se lo scorso anno ci si è avvalsi del servizio del nostro Caaf, la presentazione di questo documento è obbligatoria;

– carta d’identità e codice fiscale di tutti i proprietari dell’immobile di cui si richiede la compilazione;

  • copia versamento imposta sugli immobili pagata all’estero (fronte e retro poiché in alcuni paesi nel retro c’è l’indicazione di alcuni importanti dati);
  • copia MOD RW UNICO compilato lo scorso anno.
  • copia bonifico pagamento tariffa richiesta:  (Costo per la compilazione gratis   per gli iscritti Fisac Cgil; 20,00 Euro per i coniugi di iscritto/a; 25,00 Euro per i non iscritti.

Il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL

codice iban IT75K0306920000100000066667, causale “tariffa modello redditi”).

2) Chi ha un CONTO CORRENTE ALL’ESTERO.

Anche in questo caso è prevista una imposta patrimoniale e la mancata presentazione del modello redditi può comportare il sequestro del c/c in oggetto.

DOCUMENTI NECESSARI:

  • documento e codice fiscale degli intestatari del conto di cui si richiede la compilazione;
  • estratti c/c di tutto l’anno (dal 01/01/2017 al 31/12/2017) con eventuali interessi,
  • copia bonifico pagamento tariffa richiesta: Il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRLcodice iban IT75K0306920000100000066667, causale “tariffa modello redditi”). Costo per la compilazione gratis   per gli iscritti Fisac Cgil; 20,00 Euro per i coniugi di iscritto/a; 25,00 Euro per i non iscritti.

3) Altre ragioni. Alcuni esempi:

– DECESSO di un FAMILIARE di cui si è eredi, oppure REDDITI percepiti ALL’ESTERO, ma da residenti in Italia

DOCUMENTI NECESSARI:

stessa documentazione prevista per il 730. In caso di decesso di un familiare è necessaria copia del documento di identità e codice fiscale del de cujus.

Il costo per la compilazione varia a seconda del reddito percepito  ( fino a 11.000 euro di reddito la tariffa è pari a 25,00 euro, da 11.000 a 30.000 euro la tariffa è di 35 euro, oltre i 30.000 euro di reddito, la tariffa è pari a 42, per i coniugi di iscritto la tariffa è pari a 50,00 EURO) il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT75K0306920000100000066667, causale “tariffa modello Redditi”.

 Le tariffe sopra  esposte sono applicate  solo  se la documentazione perverrà all’indirizzo di posta 730fisac@gmail.com entro e non oltre il 30 settembre (ricordiamo che il servizio nel mese di agosto non sarà attivo). 

In alternativa è possibile prendere un appuntamento direttamente presso una delle sedi Attiva Cgil fai click qui per vedere l’elenco  http://www.cgiltorino.it/CAAF-CGIL-Piemonte.  in questo caso verrà applicata la tariffa prevista  ordinaria per questo servizio 

 

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

SERVIZIO DI COMPILAZIONE MODELLO REDDITI (EX MODELLO UNICO)

A  partire da oggi fino al 20 settembre (con l’interruzione nel mese di agosto per la pausa estiva) è possibile avvalersi del servizio di compilazione del Modello Redditi (ex Modello Unico) per gli iscritti di Torino e Provincia

CHI DEVE COMPILARE IL MODELLO REDDITI?

1) Coloro che hanno una CASA DI PROPRIETA’ ALL’ESTERO:    la compilazione è obbligatoria e comporta il pagamento di una imposta patrimoniale. La mancata presentazione dello stesso può comportare pesanti sanzioni (fino ad arrivare al sequestro dell’immobile).

DOCUMENTI NECESSARI:

fotocopia atto di acquisto (se il costo dell’immobile è indicato in una valuta diversa rispetto all’euro è necessario indicare il tasso di cambio relativo). Anche se lo scorso anno ci si è avvalsi del servizio del nostro Caaf, la presentazione di questo documento è obbligatoria;

– carta d’identità e codice fiscale di tutti i proprietari dell’immobile di cui si richiede la compilazione;

  • copia versamento imposta sugli immobili pagata all’estero (fronte e retro poiché in alcuni paesi nel retro c’è l’indicazione di alcuni importanti dati);
  • copia MOD RW UNICO compilato lo scorso anno.
  • copia bonifico pagamento tariffa richiesta:  (Costo per la compilazione 15 Euro per gli iscritti Fisac Cgil; 20,00 Euro per i coniugi di iscritto/a; 25,00 Euro per i non iscritti.

 Il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL

codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello redditi”)

2) Chi ha un CONTO CORRENTE ALL’ESTERO.

Anche in questo caso è prevista una imposta patrimoniale e la mancata presentazione del modello redditi può comportare il sequestro del c/c in oggetto.

DOCUMENTI NECESSARI:

  • documento e codice fiscale degli intestatari del conto;
  • estratti c/c di tutto l’anno (dal 01/01/2016 al 31/12/2016) con eventuali interessi,
  • copia bonifico pagamento tariffa richiesta: (Costo per la compilazione 12 Euro, il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello Redditi”)

3) Altre ragioni. Alcuni esempi:

– DECESSO di un FAMILIARE di cui si è eredi;

DOCUMENTI NECESSARI:

stessa documentazione prevista per il 730

Il costo per la compilazione varia a seconda del reddito percepito , il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello Redditi”.

E’possibile prendere un appuntamento direttamente presso una delle sedi Attiva Cgil fai click qui per vedere l’elenco  http://www.cgiltorino.it/CAAF-CGIL-Piemonte.

In alternativa la  documentazione dovrà  essere inoltrata all’indirizzo mail 730fisac@gmail.com entro e non oltre il 15 settembre (ricordiamo che il servizio nel mese di agosto non sarà attivo).

 

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

E’ stato costituito il Dipartimento “Comunicazione e Convenzioni”

Abbiamo deciso di costituire un nuovo Dipartimento – Comunicazione e Convenzioni – con l’obiettivo di dare sempre più importanza agli aspetti comunicativi e allo sviluppo delle convenzioni per i nostri iscritti.Questo è il link alla sezione specifica del Dipartimento sul sito istituzionale Fisac Piemonte (che contiene le informazioni sindacali e relative alla struttura territoriale):

www.fisacpiemonte.net/wordpress/dipartimenti/comunicazione-e-convenzioni/

Comunicazione e Convenzioni